01 Ottobre 2020, 10:02:16

DSL-320B Dx: Modem ADSL2+

Aperto da Pondera, 16 Novembre 2009, 17:41:20

Pondera

Citazione di: XFox il 21 Febbraio 2013, 03:09:58ho verificato che con nessuno dei firmware EU_1.22, EU_1.23 e EU_1.24 viene più distribuito dal DHCP come gateway l'indirizzo IP pubblico del provider, quindi il problema segnalato qui è risolto.

Come te ne accorgi?

Pondera

Pubblicato nel 1° messaggio di questa discussione ben due firmware DSL-320B con data 20130202: uno specifico per revisione hardware D1 e l'altro specifico per revisione hardware D2.


DSL-320B Firmware Release Note

Release Image Filename: EU_DSL-320B_1.24_02022013
Bootloader Version: 1.0.37-8.7 for BCM96338
Firmware Version: EU_DSL-320B_1.24_02022013
Display Firmware Version: EU_1.24
Hardware Version: 8ASL250221B2G
Hardware Compatibility (Board ID): 96332CG
Software Compatibility:  3.10L.01
ADSL Compatibility: Annex A
General Description: ADSL2+ Modem with ZIPB

Change List:
1. 2013/02/02: Fixed Support more years options in time Configuration.
2. 2013/02/02: Fixed Change the hardware version from "D2" to "D1";

Web Change List:
1. 2013/02/02: Fixed Change the hardware version from "D2" to "D1";

---------------------- END ----------------------

XFox

Citazione di: Pondera il 21 Febbraio 2013, 09:32:33
Citazione di: XFox il 21 Febbraio 2013, 03:09:58ho verificato che con nessuno dei firmware EU_1.22, EU_1.23 e EU_1.24 viene più distribuito dal DHCP come gateway l'indirizzo IP pubblico del provider, quindi il problema segnalato qui è risolto.

Come te ne accorgi?

Configuro il modem in PPPoE/PPPoA, lo collego direttamente all'interfaccia Ethernet di un computer (un Mac, in questo caso), configuro l'interfaccia di rete in DHCP e vedo che i parametri che acquisisce sono:

IP:
Maschera di sottorete: 255.255.255.255
Router: 192.168.1.1

Su Mac viene chiamato "Router" nell'interfaccia utente ma è il gateway che distribuisce il DHCP. Volendo posso postare lo screenshot.

Pondera

Citazione di: XFox il 21 Febbraio 2013, 14:51:21configuro l'interfaccia di rete in DHCP

E con IP fisso impostato manualmente funziona?

Pondera

Inserito nel 1° messaggio di questa discussione video a cura di cesarehbk relativo alle diverse possibilità di configurazione:
- La connessione ad internet viene effettuata dal Modem;
- Modalità Bridge, la connessione viene effettuata e mantenuta attiva da un Computer;
- Modalità Bridge, la connessione viene effettuata e mantenuta attiva da un Router.

Stefano86

Salve a tutti e complimenti per la qualità della discussione.

Possiedo un DIR-655 e devo acquistare un nuovo modem perchè il vecchio DSL-320t ha smesso di funzionare.

Ho subito pensato al DSL-320b ma, dopo aver letto parte di questa discussione, non sono più tanto sicuro dell'acquisto a causa dei bug che sono stati segnalati.

Vi chiedo quindi, nei miei panni, scegliereste comunque il DSL-320b? Oppure mi consigliate di puntare su altro?

Nel caso decidessi di acquistare il 320b è meglio che cerchi la rev D2?
Oppure la D1, calore a parte, è a pari livello?

Grazie per l'attenzione.
Sefano

Pondera

Per il DSL-320T cosa è successo di preciso? Puoi sempre spedirlo a bovirus può essere che possa riusciere a sistemarlo.

Al prezzo medio sul web di 30€ a cui puoi trovare il DSL-320B ti consiglierei di prendere il modem router wireless DSL-2640B E1 N 150 spendendo magari anche una 10€ in più. Hai sempre un dispositivo basato sul Broadcom puoi sempre spegnergli il wireless da pulsante o configurazione web e usarlo in BRIDGE col DIR-655. O, meglio, puoi solo spegnergli il wireless e sfrutti il DIR-655 come access point.
Le opzioni di scelta sono maggiori e migliori!

Stefano86

Ciao Pondera,
grazie per la celere risposta :)

Citazione di: Pondera il 26 Febbraio 2013, 16:05:20Per il DSL-320T cosa è successo di preciso? Puoi sempre spedirlo a bovirus può essere che possa riusciere a sistemarlo.
Non dava segni di vita, neanche con un altro alimentatore. Comunque oramai riposa all'isola ecologica.

Citazione di: Pondera il 26 Febbraio 2013, 16:05:20Al prezzo medio sul web di 30€ a cui puoi trovare il DSL-320B ti consiglierei di prendere il modem router wireless DSL-2640B E1 N 150 spendendo magari anche una 10€ in più. Hai sempre un dispositivo basato sul Broadcom puoi sempre spegnergli il wireless da pulsante o configurazione web e usarlo in BRIDGE col DIR-655. O, meglio, puoi solo spegnergli il wireless e sfrutti il DIR-655 come access point.
Le opzioni di scelta sono maggiori e migliori!
Su amazon il DSL-320B è in offerta a meno di 23 euro comprese spedizione, però è la rev D1.
Per questo prima ho chiesto se la rev D1 fosse tanto diversa dalla D2.

Terrò in considerazione l'alternativa da te proposta anche se in tal caso forse preferirei pensionare anche il DIR-655 e puntare su uno che integri il wifi N 300 (tipo il DIR-2750B) invece che tenere due dispositivi e sfruttarli solo parzialmente.
Che dici?

Grazie ancora,
Stefano

Pondera

Direi di optare per il DSL-2750B solo se hai bisogno della porta USB che dovrebbe funzionare per condividere memorie di massa o collegarci una stampante anche se pare non ci sia una piena compatibilità con tutti i modelli sul mercato.

Se poi hai necessità impellenti di budget e vuoi restare sul DSL-320B che sia la rev D1 o D2 è ininfluente visto che sono state equiparate con l'uscita dell'ultimo firmware in doppia versione per entrambe le revisioni.

Stefano86

Citazione di: Pondera il 26 Febbraio 2013, 17:17:34Direi di optare per il DSL-2750B solo se hai bisogno della porta USB che dovrebbe funzionare per condividere memorie di massa o collegarci una stampante anche se pare non ci sia una piena compatibilità con tutti i modelli sul mercato.
No non ne ho bisogno, opterei per il DSL-2750B (o per il DSL-2740B) solo per non perdere il wifi N 300 dato che tutte le periferiche presenti in casa lo supportano.

Citazione di: Pondera il 26 Febbraio 2013, 17:17:34Se poi hai necessità impellenti di budget e vuoi restare sul DSL-320B che sia la rev D1 o D2 è ininfluente visto che sono state equiparate con l'uscita dell'ultimo firmware in doppia versione per entrambe le revisioni.
Questa è una buona notizia, pensavo che nella rev D1 il calore alla lunga potesse danneggiare il dispositivo.

La verità è che non mi convince l'idea di acquistare una macchina come il DSL-2640B per poi "castrarla e castrare" anche il dir-655.
Inoltre, se non sbaglio, con questa configurazione creerei un collo di bottiglia perchè il wifi N a 300Mbps del DIR-655 confluirebbe nella porta lan del DSL-2640B che non essendo gigabit arriva a solo 100Mbps.

Per questo preferisco puntare su un semplice modem da associare al DIR-655 oppure, come detto sopra, pensionare quest'ultimo e passare ad un DSL-2750B (o 2740B).

XFox

Citazione di: Pondera il 21 Febbraio 2013, 15:02:59E con IP fisso impostato manualmente funziona?

No, con IP fisso non naviga.
Ho provato sia mettendo come server DNS il modem stesso che inserendo a mano quelli del mio provider.

Pondera

Citazione di: XFox il 27 Febbraio 2013, 01:17:29
Citazione di: Pondera il 21 Febbraio 2013, 15:02:59E con IP fisso impostato manualmente funziona?

No, con IP fisso non naviga.
Ho provato sia mettendo come server DNS il modem stesso che inserendo a mano quelli del mio provider.

E allora il problema persiste, altro che risolto!

Citazione di: XFox il 21 Febbraio 2013, 03:09:58Aggiornando e testando anche l'unità del mio amico, che era ferma all'EU_1.22 di fabbrica, ho verificato che con nessuno dei firmware EU_1.22, EU_1.23 e EU_1.24 viene più distribuito dal DHCP come gateway l'indirizzo IP pubblico del provider, quindi il problema segnalato qui è risolto.

Hai provato con i nuovi firmware EU_1.24 20130202?

XFox

Citazione di: Pondera il 27 Febbraio 2013, 07:19:28
Citazione di: XFox il 27 Febbraio 2013, 01:17:29
Citazione di: Pondera il 21 Febbraio 2013, 15:02:59E con IP fisso impostato manualmente funziona?

No, con IP fisso non naviga.
Ho provato sia mettendo come server DNS il modem stesso che inserendo a mano quelli del mio provider.

E allora il problema persiste, altro che risolto!

Allora, o inizi ad argomentare di più o la discussione per me finisce qui.
Il problema che mi hai segnalato, questo, è risolto perché ora il modem passa correttamente il suo IP, invece che l'IP pubblico, come gateway. Quindi niente più rischio di esaurire la memoria della tabella ARP.
Il fatto che non funzioni mettendo sul PC un IP fisso locale (tipo 192.168.1.2) è il comportamento previsto dal momento che, se non sbaglio, quando è in modalità PPPoE/PPPoA funziona in half bridge e non fa NAT.

Citazione di: Pondera il 27 Febbraio 2013, 07:19:28Hai provato con i nuovi firmware EU_1.24 20130202?

Si certo, ho controllato e quello rilasciato è uguale bit per bit a quello che mi avevano fatto scaricare "in anteprima" per vedere se risolveva il problema che avevo segnalato (blocco del modem restando sulla pagina di Stato o delle Statistiche). Ora il mio ticket è stato passato al supporto tecnico di secondo livello, vediamo cosa mi dicono.

XFox

Hey, ho appena visto che c'è stato un mega aggiornamento del sito D-Link Italia!
Tra l'altro ora finalmente la pagina del DSL-320B riporta correttamente l'ultima versione del firmware: oh yeah!
Brava D-Link.

XFox

Citazione di: Stefano86 il 26 Febbraio 2013, 15:43:09Ho subito pensato al DSL-320b ma, dopo aver letto parte di questa discussione, non sono più tanto sicuro dell'acquisto a causa dei bug che sono stati segnalati.

Vi chiedo quindi, nei miei panni, scegliereste comunque il DSL-320b? Oppure mi consigliate di puntare su altro?

Beh, i bug presenti nel firmware in ogni caso non sono certo gravi e possono interessare solo in casi particolari.
Utilizzandolo in full bridge non ho riscontrato nessun tipo di problema e fila che è un piacere.
Utilizzandolo in half bridge (cioè facendo instaurare la connessione direttamente al modem e non al router o computer cui è collegato) c'è qualche difetto (quelli che ho scritto nei post sopra) ma niente che ne pregiudichi l'utilizzo nella maggior parte dei casi.

Pondera

Citazione di: XFox il 27 Febbraio 2013, 08:44:09Il fatto che non funzioni mettendo sul PC un IP fisso locale (tipo 192.168.1.2) è il comportamento previsto dal momento che, se non sbaglio, quando è in modalità PPPoE/PPPoA funziona in half bridge e non fa NAT.

La spiegazione di seguito va più nel dettaglio... Questioni di subnet...

Fonte Phil's Blog
When in 1483 Bridged IP mode, the modem was actually fine. It connected to the ISP and allowed the routing of a subnet over it. When I switched to a new ISP, which used PPPoA, the story was somewhat different. The setup is such that the PPPoA connection gets issued its own IP address, outside of the routed subnet, and then the subnet is routed over this. This modem implements a system called half-bridging... in a horrible horrible way. A way which, in fact, kills kittens. Poor poor kittens.

When you first connect a computer to the modem, its DHCP server issues the computer with an IP address from the DHCP range - lets say 192.168.1.2. It also issues the computer with its own local address as the gateway - lets say 192.168.1.1. Once the PPPoA connection has established it re-issues the DHCP lease, giving the computer the public IP address (e.g. 62.132.23.205 ) as well as its local address as the gateway. As such, your IP configuration looks a little like this:

CitazioneIPv4 Address. . . . . . . . . . . : 62.132.23.205
Subnet Mask . . . . . . . . . . . : 255.255.255.255
Default Gateway . . . . . . . . . : 192.168.1.1


The more observant of you will be scratching your head with bewilderment now. The computer is now in a subnet all of its own, as dictated by the subnet mask, but is using an IP in an entirely different subnet as its gateway. It seems to use a system of sending ARP replies frequently, to ensure that the computer always knows the MAC address of the 192.168.1.1 host - since it won't ARP for it itself. This didn't seem to work with my BSD based router, which plain refused to add a gateway which was not on the same subnet. I don't really blame it. It seems this modem was designed for Windows.

Anyway, the plot thickened further. To allow bridging, the modem uses a route which routes all packets out of the PPP interface. This route is only added after the second DHCP lease has been successfully issued. It does not appear to be possible, inside its interface or via telnet, to add this route manually. As such, it was possible to con the modem into working as a full bridge by using a Windows computer to get a DHCP lease and then connecting the modem to a network of devices which used IPs in the routed subnet. This was a poor solution as the DHCP lease expired every 10 or so hours, thus this process needed to be repeated frequently to get Internet connectivity back. Further to that, if you turned off the DHCP server, it was impossible to connect to the Internet using the modem in PPPoA mode.

XFox

Citazione di: Pondera il 01 Marzo 2013, 10:37:35
Citazione di: XFox il 27 Febbraio 2013, 08:44:09Il fatto che non funzioni mettendo sul PC un IP fisso locale (tipo 192.168.1.2) è il comportamento previsto dal momento che, se non sbaglio, quando è in modalità PPPoE/PPPoA funziona in half bridge e non fa NAT.

La spiegazione di seguito va più nel dettaglio... Questioni di subnet...

Fonte Phil's Blog
[...]

Grazie del link Pondera, che mi ha aiutato a farmi un po' di cultura riguardo l'half bridge.
Nel post che hai linkato viene spiegato che l'attuale implementazione del DSL-320B è pessima, dato che i sistemi basati su *nix non accettano un gateway al di fuori della propria sottorete, e questo è secondo me anche il motivo per cui il modem configurato in modalità PPPoE/PPPoA (half bridge) non funziona con diversi router, quelli che seguono l'implementazione *nix.
Probabilmente, ad esempio, le basi AirPort non lo consentono (e questo darebbe risposta a diversi post precedenti) mentre altri router, come il mio AVM FRITZ!Box 7390, sì. Concordi?

"Phil" non suggerisce però quale potrebbe essere un'implementazione ottimale, quindi ho cercato un po' e ho trovato un articolo, di cui riporto la parte più interessante, che spiega in modo abbastanza accurato secondo me cos'è l'half bridge e le implementazioni più comuni.
Fonte Webspaces
Half bridge explained
Originally half-bridge was a nickname given to routers that function as proxy-arp hosts, with the same ip on both interfaces. Essentially you get bridge-like functionality (think transparent bridge) but packets are actually routed, not bridged.

But in the case of consumer grade dsl modems, the idea behind this whole trick is to present your first downstream router with the single external IP assigned to you by the ISP, and turn routing modem into half-bridge of sorts.

Your modem gets configured in the following way:
  • route to public ip given by isp is set at the LAN interface (with /32 mask), along with possible local addresses for management purpose, like 192.168.0.0/24
  • proxy-arp flag is turned on on the LAN interface
default route is set on the WAN interface
  • LAN side runs dhcp daemon, advertising public ip - possibly but not necessarily - with faked router address and netmask (more about it below)
  • Public address is not set anywhere in the modem. Actually, besides local address on the LAN interface - nothing else is assigned.
So what happens at your first downstream router?
  • Early implementations set your machine as a router with default route in link scope. The effect of that is that for every internet address you need an arp entry in your arp (neighbourhood) cache. So you`re pretty much guaranteed to have to increase the arp cache. In such scenarios, dhcp runns on the modem, advertises public ip with 255.255.255.255 netmask, and the router address is the same as the public one.
  • the more common method is that the modem fakes a different router address in the same, usually 255.255.255.0, which contains the address presented by ISP as well (usually public ip + 1). The idea is the same as above, but you don`t need monster arp cache anymore, and faking router address is harmless (packets will be routed properly), as it`s not set anywhere in the modem.
  • there`re also a bit less sensible methods - e.g. your modem gives public ip/32, but gives router address literally out of the blue.       Sometimes the   modem gives your router an address not within public ip`s net mask.
As you can guess, the renewal time in such scenarios is very short - so the public ip changes can be noticed relatively quickly.

Ciò premesso, a quanto pare l'implementazione migliore dovrebbe fornire i seguenti parametri via DHCP:
IPv4 host address: (es. 88.149.235.178)
Subnet mask: 255.255.255.0
Default gateway: +1
(es. 88.149.235.179)

Oppure forse, restringendo al massimo la parte dell'indirizzo IP dedicata agli host grazie all'RFC 3021 e minimizzando così le richieste ARP inutili, potrebbe essere:
IPv4 host address: (es. 88.149.235.187)
Subnet mask: 255.255.255.254
Default gateway: ±1
(es. 88.149.235.186)

In questo modo il DSL-320B dovrebbe funzionare senza problemi in PPPoA/PPPoE (half bridge) collegato a qualsiasi router e si risolverebbe il problema, attualmente presente, dell'impossibilità di utilizzarlo se l'ADSL richiede il protocollo PPPoA e il router/computer a cui è collegato è di tipo *nix.
Qualcuno può confermare le mie conclusioni? :)


P.S.
Non mi sembra tuttavia che tutto questo permetterebbe anche di utilizzare nel router/computer un IP statico del tipo 192.168.1.2 per la navigazione Internet, oltre che per accedere all'interfaccia di gestione. O sbaglio?

linux

Salve,

sapete dirmi se con questo modem supporta i DDNS (es. DynDns)?
Da una lettura sommaria delle specifiche mi sembra di no.
E' possibile utilizzarli in qualche modo, es. interfacciandolo con un altro modem/router che fa da solo router?
Scusate, ma non sono molto esperto....

Grazie mille, in anticipo, per la risposta.

XFox

Citazione di: linux il 13 Marzo 2013, 18:53:19sapete dirmi se con questo modem supporta i DDNS (es. DynDns)?
Da una lettura sommaria delle specifiche mi sembra di no.

Infatti non ha questo supporto integrato.

Citazione di: linux il 13 Marzo 2013, 18:53:19E' possibile utilizzarli in qualche modo, es. interfacciandolo con un altro modem/router che fa da solo router?

Collegato ad un altro router con questa funzionalità, certamente.

Citazione di: linux il 13 Marzo 2013, 18:53:19Scusate, ma non sono molto esperto....

Ma figurati! :)

wolf041

Ciao a tutti, mi sono registrato al forum per ringraziarvi e per condividere con voi il risultato che ho ottenuto.

Grazie infatti a quanto trovato sulla rete e principalmente in questo forum sono riuscito a convertire il mio modem DSL-320B in un router DSL-520B.

Il tutto funziona perfettamente.

La procedura seguita per la conversione è la seguente:

+ Download del firmware SE_1.22 per DSL-520B dal sito D-Link

+ Impostare l'IP del PC da cui si lavora ad un indirizzo statico 192.168.1.x (con x diverso da 1)

+ Aggiornamento del firmware del 320B:

      - Resettare il modem
      - Spegnere il modem
      - Premere il tasto di RESET e tenerlo premuto
      - Accendere il modem
      - Aspettare 20 secondi
      - Rilasciare il tasto RESET
      - Entrare nel modem da browser (192.168.1.1 -admin/admin)
      - Si accede ad una schermata di recovery da cui si può solo fare l'upload del firmware
      - Caricare il firmware del 520B
- Al termine dell'operazione il modem si resetta, il browser tenta di accedere all'indirizzo 192.168.1.1, ma non ottiene risposta

+ Spegnere il modem

Occorre a questo punto accedere al modem via seriale, il procedimento è perfettamente spiegato in QUESTO thread. Io ho utilizzato un adattatore USB/Seriale che avevo ed ho costruito l'interfaccia TTL del link indicato.

+ Aprire il modem

+ Saldare il connettore seriale J2

+ Collegarsi al modem dal PC via seriale e lanciare TeraTerm

+ Accendere il modem

+ Verrà visualizzata una schermata di boot del CFE con un errore di avvio hardware

+ Viene quindi chiesto di inserire i parametri di configurazione, per la precisione:

- Board ID [8 - 96332CG] - Confermare digitando ENTER
- Number of  MAC addresses [12] - Confermare digitando ENTER
- Base MAC adress [il MAC della scheda] - Confermare digitando ENTER
- PSI size [24] - Digitare 48 e confermare con ENTER

A questo punto in TeraTerm si vedrà tutta la procedura di boot del sistema
 
+ Ricollegare il modem alla rete

+ Entrare con il browesr (192.168.1.1-admin/admin) nel nuovo router DSL-520B

Sperando che questo possa essere utile ad altri, ringrazio a ancora il forum per avermi permesso di sperimentare e riuscire in questa operazione.

Licenza Creative Commons
Il contenuto dei messaggi del forum è distribuito con
Licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 4.0
Tutti i marchi registrati citati appartengono ai legittimi proprietari