01 Ottobre 2020, 10:09:36

DSL-2740B E1 - Modem Router ADSL2+ Wireless N 300

Aperto da Carciofone, 03 Maggio 2010, 15:09:57

Carciofone

Citazione di: wiz4rd dateline=1280777981
Citazione di: C@rciofone dateline=1280777442snip

@C@rciofone che fai quoti senza dire nulla :P ?
Ho completato a rate...   ;D

thinkmarco

Citazione di: C@rciofone dateline=1280777442Ciao e ben venuto!
Grazie!


CitazioneVedo che hai configurato la tua rete con indirizzi di classe A e quindi suppongo con subnetmask 255.0.0.0. Per caso hai verificato se il problema si verifica anche con gli indirizzi standard di Classe C?
Altra cosa che si potrebbe verificare è se impostando i DNS direttamente nelle schede di rete dei pc collegate al router e non direttamente nel router l'esito è il medesimo.
La rete non e' configurata in modo standard, e' in classe B (netmask 255.255.0.0). Senno' dov'e' il gusto? :)

Devo riflettere sulle conseguenze di cambiare la classe perche' anceh se ho poche macchine (4) perdo una stampante di rete ed il server voip in classe C (mantenedo peraltro 10.10.100.0 come rete e non la 192 altrimenti mi salta tutto in aria ed il "server" mi ricorre lanciado bit!)

CitazioneSì, il C2 non lo fa. Questo è da correggere senz'altro, altrimenti si richiede prima la disattivazione della policy di sicurezza, poi la cancellazione dell'assegnazione e poi la reimmissione del filtro con il mac.

oppure scrivi a casaccio una cifra del mar (es. l'ultima) quella corretta la metti nel nome e nell'editing successivo metti tutto a posto. Ci manca il salto mortale e poi i giochetti si sono fatti tutti.
Si' sarebbe meglio mettere a posto il codice...

CitazioneSi tratta di una terminologia adottata che effettivamente differisce da altri produttori. Alla fine il funzionamento è il medesimo anche se in sostanza si tratta di una sillogistica doppia negazione. Il punto è che ormai è convenzione comune a tutti i DSL di ultima generazione e penso discenda dalla matrice dei sorgenti Broadcom. Il funzionamento tipico è descritto tra le FAQ generali disponibili qui, oltre ad altri utili suggerimenti: https://www.dlink-forum.info/index.php?topic=213.msg2440#msg2440
Comunque se con Allow all e MAC in Black list un client accede si tratta di un bug.
Scusami ma la mia posizione e' nettamente diversa dalla tua. si tratta di una terminologia che porta confusione, direi che quelle tre righe che si sono scritte sulle interfacce utenti (es. regole di Krug) con queste scritte si stanno rivoltando nella tomba perche' questa interfaccia le uccide. Deny all e Allow all hanno significati ben precisi che non rispecchiano il comportamento dell'interfaccia. Non so quali vincoli abbiano portato a questa scelta, ma qui veramente non ci siamo proprio... quando qualcuno (scusa non ricordo chi e' stato, potresti essere stato anche tu) mi ha  indicato il significato ho pensato che l'hardware e' stato ben curato ma lo sviluppo del software (per quanto apprezzi lo sforzo di mettere un linux embedded!) e' stato proprio trascurato, come se si dovesse uscire sul mnercato di corsa. Questo dispositivo ha tanti numeri a posto e rtardare l'uscita con un buon software avrebbe generato un tam tam positivo cosi' forte che per il SOHO, secondo me, d-link sarebbe diventato il router per antonomasia!
Data l'interfaccia abbastanza incompresibile per me, potrei aver fatto degli errori. Faro' ua ulteriore verifica.

CitazioneBeh, no, hai ragione, il remote management dovrebbe funzionare almeno sulle porte prestabilite se previsto. Sul fatto di utilizzare porte personalizzate bisogna vedere: viste le politiche di filtraggio applicate da molti provider potrebbe non essere opportuno.
Scusami ma non ti seguo. Nelle regole di port forwarding ho una regola che da WAN porta 22 -> LAN, macchina, porta 22 (penso sia chiaro, dimmi se non lo e').
Abilito il controllo remoto su ssh (chiedendo di usare la porta 21 dell'ssh che non uso) e cosa fa il router? Mi cambia la ragola! WAN porta 222 -> LAN, macchina, porta 22 (fra parentesi, creandomi anche dei pasticci).
Sempre a questo proposito, non trovo assolutamente corretto che il port forwarding creai anche una regola di firewalling, anche se c'e' il port forwarding su una porta, chi ha detto che deve essere aperta a tutti? Inoltre su questo dispositivo il termine firewalling non mi sembra usato correttamente, e' usato come sinonimo di sistema antintrusione (preotezione da SYN attacm, Ping attack ecc). il firewall e' quello strumento che abilita certe porta da cert indirizzi (interni ed esterni), non l'oggetto che qui e' chiamato firewall. Direi che se una persona conosce un po' di teoria qui i termini per come sonos tati utilizzati disorientano.

CitazioneVedo che in parte hai già risposto ad uno dei miei quesiti sul tema. Rimane interessante da vedere se il problema possa essere associato all'uso di una determinata classe di ip e relativa subnetmask o sia generalizzato.
QUesti problemi di DNS li riscontri con qual modalità di connessione (PPPoA, PPPoE)?

Per raggiungere questo risultato serve tempo per fare delle prove, risorsa che umanamente non ho.
Uso PPPoE con Alice, anni fa provai ad usare PPPoA e non andava per niente bene (nel frattempo mi sono trasferito) cosi' sono rimasto fedele a PPPoE. I problemi comunque me li da per le macchine interne alla rete privata, non per quelle esterne. Per quelle esterne non ho ancora provato. Quindi il router sporca proprio i pacchetti secondo me. Dato che il suo sorgente e' scritto in C, magari e' solo un problema di casting o di "indiani" (big endian vs. little endian). ho dato un'occhiata ma e' pieno di macro cosi' questo sorgente per metterci le mani andrebbe studuiato davvero bene.

CitazioneI sorgenti più recenti, oltre ad altre cose come i report di test etc li puoi trovare anche qui: http://tsd.dlink.com.tw/
grazie

CitazioneTieni presente però che è una società esterna a compilare i firmware per D-Link ed è questa una delle ragione delle sgradevoli "incomprensioni" che talora si hanno con i responsabili del software.
Sono da poco in questo forum e ti chiedo di scusari per i modi bruti, ma, io compro un oggetto d-link e deve funzionare. Poi chi sviluppa cosa e' un problema di d-link, io semplifico il problema ed arrivo all'interlecutore che pago. Mi sono messo a scrivere nei forum in quanto sostenitore di linux e per quello che posso voglio dare una mano, diversamente questo oggetto era da prendere, portarlo in negozio e da farsi restituire i soldi. Diciamo che per una cosa in cui credo mi sono arrangiato dopo aver capito i malfunamenti e che adesso sto molto apprezzando le attivita' dei vari forum e degli sviluppatori d-link che, con calma, mi stanno rispondendo ai ticket aperti. C'e' comunque molto da lavorare, non c'e' dubbio.

Ciao e grazie ancora
Marco

Grisha

Ben trovati a tutti! E' il mio primo post su questo forum.
Ho installato ieri il DSL-2740B revisione E1, aggiornato subito all'ultimo firmware beta del 7/7/2010.

Il mio notebook Samsung (con chip WiFi Intel 4965AGN) non riesce a connettersi oltre i 54 Mbps. Con la stessa configurazione del router, invece, il mio Asus 1005HA (con Atheros AR9285) si connette senza problemi a 150 Mbps. Ho seguito scrupolosamente le indicazioni trovate in altri forum:
Citazione- se hai messo la protezione WEP, aumentala a WPA o WPA2
- aggiorna i driver della tua scheda wireless
- controlla nelle impostazioni di base del wireless che la modalità comprenda il wireless N (impostazioni valide: misto 802.11B+G+N, solo 802.11N)
- forse sei un po' troppo lontano dal router?
Ho fatto tutto questo, e la distanza è 1.5m dal router.

Mi sarei atteso di arrivare a 130 o 144 Mbps così come sono riuscito a fare col medesimo notebook Samsung e due altri router, un Linksys WAG320N e un Netgear DGND3300 (che però avevano altri problemi): con entrambi si connetteva a 144 Mbps. La correttezza della configurazione del DSL-2740B è supportata anche dal fatto che il netbook Asus si connette a 150 Mbps.

C'è qualcos'altro che mi sfugge o che devo sapere?

Alby

Citazione di: Grisha dateline=1280964814Ben trovati a tutti! E' il mio primo post su questo forum.
Ho installato ieri il DSL-2740B revisione E1, aggiornato subito all'ultimo firmware beta del 7/7/2010.

Il mio notebook Samsung (con chip WiFi Intel 4965AGN) non riesce a connettersi oltre i 54 Mbps. Con la stessa configurazione del router, invece, il mio Asus 1005HA (con Atheros AR9285) si connette senza problemi a 150 Mbps. Ho seguito scrupolosamente le indicazioni trovate in altri forum:
Citazione- se hai messo la protezione WEP, aumentala a WPA o WPA2
- aggiorna i driver della tua scheda wireless
- controlla nelle impostazioni di base del wireless che la modalità comprenda il wireless N (impostazioni valide: misto 802.11B+G+N, solo 802.11N)
- forse sei un po' troppo lontano dal router?
Ho fatto tutto questo, e la distanza è 1.5m dal router.

Mi sarei atteso di arrivare a 130 o 144 Mbps così come sono riuscito a fare col medesimo notebook Samsung e due altri router, un Linksys WAG320N e un Netgear DGND3300 (che però avevano altri problemi): con entrambi si connetteva a 144 Mbps. La correttezza della configurazione del DSL-2740B è supportata anche dal fatto che il netbook Asus si connette a 150 Mbps.

C'è qualcos'altro che mi sfugge o che devo sapere?
Spesso le schede wireless Intel fanno a cazzotti con i router con chipset Broadcom, comunque aggiorna il driver della scheda all'ultimo driver disponibile sul sito Intel che mi pare sia di luglio e verifica nelle impostazioni avanzate del router e nelle proprietà del driver di tutte le schede wireless che sia attiva la modalità di trasmissione 20\40 Mhz dei subcanali radio (o Auto) sulla banda dei 2.4 Ghz.
Comunque qualcosa che non va nella configurazione c'è, perchè 150 Mbit è la metà della velocità max del router e sembra quasi che funzioni un solo canale radio (semprechè i 20\40 Mhz siano attivi).

Carciofone

Citazione di: thinkmarco dateline=1280959500La rete non e' configurata in modo standard, e' in classe B (netmask 255.255.0.0). Senno' dov'e' il gusto?  :)
Gli indirizzi di 10.x.y.z che usi sono indirizzi privati tipicamente di classe A, cui però associ una subnetmask che dovrebbe indicare quale parte dell'indirizzo è rilevante per distinguere gli host dalla rete che è tipicamente di classe B. Questo non sarebbe proprio in linea con gli standard RFC 1918: http://openskill.info/infobox.php?ID=849

CitazioneScusami ma la mia posizione e' nettamente diversa dalla tua. si tratta di una terminologia che porta confusione, direi che quelle tre righe che si sono scritte sulle interfacce utenti (es. regole di Krug) con queste scritte si stanno rivoltando nella tomba perche' questa interfaccia le uccide. Deny all e Allow all hanno significati ben precisi che non rispecchiano il comportamento dell'interfaccia. Non so quali vincoli abbiano portato a questa scelta, ma qui veramente non ci siamo proprio... quando qualcuno (scusa non ricordo chi e' stato, potresti essere stato anche tu) mi ha  indicato il significato ho pensato che l'hardware e' stato ben curato ma lo sviluppo del software (per quanto apprezzi lo sforzo di mettere un linux embedded!) e' stato proprio trascurato, come se si dovesse uscire sul mnercato di corsa. Questo dispositivo ha tanti numeri a posto e rtardare l'uscita con un buon software avrebbe generato un tam tam positivo cosi' forte che per il SOHO, secondo me, d-link sarebbe diventato il router per antonomasia!
Data l'interfaccia abbastanza incompresibile per me, potrei aver fatto degli errori. Faro' ua ulteriore verifica.
In realtà come utilizzatori dobbiamo essere pragmatici: il produttore ha scelto quella terminologia e ci si dovrebbe adattare come un produttore di auto rispetta magari gli standard ISO, ma fa i comandi come vuole anche per distinguersi dagli altri. Vedi il bicchiere mezzo pieno: in reltà quella modalità di interfaccia introduce un'opzione in più rispetto a molti router della concorrenza, perchè oltre a poter indicare classicamente quali MAC accedono alla rete, può indicare anche quale insieme ristretto di MAC escludere dalla rete, come pure consente all'amministratore di riammetterli temporaneamente senza cancellarli dalla lista semplicemente disabilitando la policy. Insomma a ben guardare una certa utilità affiora. Per il resto che te devo dì: decidono a Taiwan o in Cina e lì il nostro alfabeto lo usano molto macheronicamente.  ;D

CitazioneScusami ma non ti seguo. Nelle regole di port forwarding ho una regola che da WAN porta 22 -> LAN, macchina, porta 22 (penso sia chiaro, dimmi se non lo e').
Abilito il controllo remoto su ssh (chiedendo di usare la porta 21 dell'ssh che non uso) e cosa fa il router? Mi cambia la ragola! WAN porta 222 -> LAN, macchina, porta 22 (fra parentesi, creandomi anche dei pasticci).
Sempre a questo proposito, non trovo assolutamente corretto che il port forwarding creai anche una regola di firewalling, anche se c'e' il port forwarding su una porta, chi ha detto che deve essere aperta a tutti? Inoltre su questo dispositivo il termine firewalling non mi sembra usato correttamente, e' usato come sinonimo di sistema antintrusione (preotezione da SYN attacm, Ping attack ecc). il firewall e' quello strumento che abilita certe porta da cert indirizzi (interni ed esterni), non l'oggetto che qui e' chiamato firewall. Direi che se una persona conosce un po' di teoria qui i termini per come sonos tati utilizzati disorientano.
Forse non avevo capito bene cosa volevi fare, mentre ora mi pare di intuire che il tunnel ssh ti serve verso un pc interno della lan e non verso il router stesso. Se si trattasse di quest'ultima ipotesi allora potresti aver mal interpretato i messaggi di avvertimento che compaiono a video. Ora non ho uno di questi router sotto mano, ma i DSL Broadcom ti avvertono che se usi in LAN, facendo port forwarding, per uno dei servizi che potrebbero essere attivati anche presso il router una delle porte standard che dovrebbe usare il router per i suoi demoni, allora verrà cambiata per quella sessione quella che usa il router e solo se il servizio sarà attivato, con quella indicata.


CitazionePer raggiungere questo risultato serve tempo per fare delle prove, risorsa che umanamente non ho.
Uso PPPoE con Alice, anni fa provai ad usare PPPoA e non andava per niente bene (nel frattempo mi sono trasferito) cosi' sono rimasto fedele a PPPoE. I problemi comunque me li da per le macchine interne alla rete privata, non per quelle esterne. Per quelle esterne non ho ancora provato. Quindi il router sporca proprio i pacchetti secondo me. Dato che il suo sorgente e' scritto in C, magari e' solo un problema di casting o di "indiani" (big endian vs. little endian). ho dato un'occhiata ma e' pieno di macro cosi' questo sorgente per metterci le mani andrebbe studuiato davvero bene.
Sì, ad avere problemi coi DNS sembra essere dalle segnalazioni proprio la modalità PPPoE.

Grisha

Citazione di: Alby dateline=1280984288aggiorna il driver della scheda all'ultimo driver disponibile sul sito Intel che mi pare sia di luglio e verifica nelle impostazioni avanzate del router e nelle proprietà del driver di tutte le schede wireless che sia attiva la modalità di trasmissione 20\40 Mhz dei subcanali radio (o Auto) sulla banda dei 2.4 Ghz.
Già fatto preventivamente. La modalità 20/40 MHz è attiva. Ma purtroppo non serve a nulla col chipset Intel 4965AGN:
CitazioneLa velocità massima dovrebbe essere 270mbps eppure Windows segna 130mbps anche da di fianco al router
La funzione che permette di ottenere il raddoppio di banda si chiama "channel bonding", e consiste nel combinare 2 canali da 20 mhz in un canale singolo da 40 mhz.
- controlla nelle impostazioni wireless che l'impostazione "channel width" sia settata su "Auto 20/40mhz"
- controlla che nelle impostazioni avanzate wireless (advanced - advanced wireless) l'impostazione "bandwidth" sia 40mhz.
- se hai una scheda Intel 4965AGN, 5100 o 5300 purtroppo è normale, dato che tali schede non supportano il channel bonding in banda europea
Perciò dico che mi aspettavo 130 o 144 Mbps come con gli altri due router citati nel mio post.

CitazioneComunque qualcosa che non va nella configurazione c'è, perchè 150 Mbit è la metà della velocità max del router e sembra quasi che funzioni un solo canale radio (semprechè i 20\40 Mhz siano attivi).
No, questa purtroppo è una limitazione del chipset Atheros AR9285 montato nel netbook Asus. Più di 150 Mbps non può fare:
http://support.euro.dell.com/support/topics/topic.aspx/emea/shared/support/dsn/it/document?c=it&cs=itbsdt1&l=it&s=bsd&docid=87ACED0FB5BD5FF2E040AC0A65E95456

thinkmarco

CitazioneGli indirizzi di 10.x.y.z che usi sono indirizzi privati tipicamente di classe A, cui però associ una subnetmask che dovrebbe indicare quale parte dell'indirizzo è rilevante per distinguere gli host dalla rete che è tipicamente di classe B. Questo non sarebbe proprio in linea con gli standard RFC 1918: http://openskill.info/infobox.php?ID=849
conosco lo standard, comunque grazie per i riferimenti. Ci ho pensato a lungo e le cose debbono funzionare lo stesso se il tutto e' ben fatto. Avevo questa configurazione con un vecchio router e non c'erano problemi e prima ancora usavo un modem attaccato ad un linux con due schede di rete ed anche allora non c'erano problemi.
Per essere pignoli, scusa lo sono, lo standard http://www.faqs.org/rfcs/rfc1918.html indica che quegli indirizzi sono usabili SOLO per reti private ma non pubbliche ma niete vieta di utilizzare degli indirizzi pubblici in una rete privata. Se il software del router fa delle approssimazioni considerando solo l'insieme di IP che mi indichi, fa un grosso errore. Non penso dato che, se ho ben capito, e' una bestia con 32MB di RAM e chissa' quanta EEPROM (8MB?), un oggetto che, considerado che e' con hw dedicato, decisamente superiore al mio vecchio linux!
Quindi, se c'e' una approssimazione di questo tipo nel codice, il team di sviluppo dovra' rimboccarsi le maniche se vogliono che l'oggetto sfondi davvero. Altrimenti, arriveranno tardi. In questi giorni di cambio router mi sono documentato e questo mi e' sembrato quello con l'hardware migliore ed il software usabile (seppure a fatica) ma anche altri, ad esempio sitecom, a settembre usciranno con hardware aggiornati ed i loro firmware fino ad oggi, per quanto semplici, si sono rivelati molto affidabili.
Ho visto che anche CISCO ha dei modelli che, sebbene costino almeno il doppio rispetto ad un d-link, ha delle soluzioni integrate con OS IOS, wifi e modem integrati come ad esempio CISCO 877W (non quei giocattoli cisco economici ed inefficienti...)
Per dirla diversamente, questo oggetto per molte cose potrebbe competere con i mostri sacri CISCO specialmente per un utente inesperto, ha molto da offrire, ma lo deve fare bene.

CitazioneIn realtà come utilizzatori dobbiamo essere pragmatici: il produttore ha scelto quella terminologia e ci si dovrebbe adattare come un produttore di auto rispetta magari gli standard ISO, ma fa i comandi come vuole anche per distinguersi dagli altri. Vedi il bicchiere mezzo pieno: in reltà quella modalità di interfaccia introduce un'opzione in più rispetto a molti router della concorrenza, perchè oltre a poter indicare classicamente quali MAC accedono alla rete, può indicare anche quale insieme ristretto di MAC escludere dalla rete, come pure consente all'amministratore di riammetterli temporaneamente senza cancellarli dalla lista semplicemente disabilitando la policy. Insomma a ben guardare una certa utilità affiora. Per il resto che te devo dì: decidono a Taiwan o in Cina e lì il nostro alfabeto lo usano molto macheronicamente.  ;D

Come hai messo in evidenza te con l'RFC, esiste una letteratura seria in materia, esistono dei protocolli ed una nomenclatura. Quelle a video sono stringhe, ma con un hardware cosi' e' un peccato che gli sviluppatori passino per degli improvvisati anziche' per dei professionisti, basterebbe leggersi una volta il Kurose http://www.aw-bc.com/kurose_ross/per impadronirsi un po' del linguaggio. Sono molto severo, ma e' una tristezza vedere quei nomi...  :'(
Poi come dire, ci si puo' abituare come utenti, ma come sviluppatori non si fa bella figura.

CitazioneForse non avevo capito bene cosa volevi fare, mentre ora mi pare di intuire che il tunnel ssh ti serve verso un pc interno della lan e non verso il router stesso. Se si trattasse di quest'ultima ipotesi allora potresti aver mal interpretato i messaggi di avvertimento che compaiono a video. Ora non ho uno di questi router sotto mano, ma i DSL Broadcom ti avvertono che se usi in LAN, facendo port forwarding, per uno dei servizi che potrebbero essere attivati anche presso il router una delle porte standard che dovrebbe usare il router per i suoi demoni, allora verrà cambiata per quella sessione quella che usa il router e solo se il servizio sarà attivato, con quella indicata.

sono stato nuovamente criptico nell'esprimermi. Volgio che un PC interno risponda alla porta 22 (ci girano almeno ssh e svn)  ed che il router risponda al PROTOCOLLO ssh ma su una porta libera da altri usi dei computer interni. Al momento, non sembra possibile purtroppo! (a meno di non usare telnet dall'esterno, ma mi sembra un suicidio).

CitazioneSì, ad avere problemi coi DNS sembra essere dalle segnalazioni proprio la modalità PPPoE.
Qualcosa i sfugge da questa conclusione, probabilmente per mia ignoranza. PPOoE e' un protocollo verso l'esterno, l'nslookup che da problemi e' interamente verso le macchine interne alla rete privata con un server DNS interno alla rete privata. PPPoE non dovrebbe proprio essere usato. Come sei arrivato alla tua conclusione?

Ciao e grazie

Alby

Citazione di: Grisha dateline=1280989424
Citazione di: Alby dateline=1280984288aggiorna il driver della scheda all'ultimo driver disponibile sul sito Intel che mi pare sia di luglio e verifica nelle impostazioni avanzate del router e nelle proprietà del driver di tutte le schede wireless che sia attiva la modalità di trasmissione 20\40 Mhz dei subcanali radio (o Auto) sulla banda dei 2.4 Ghz.
Già fatto preventivamente. La modalità 20/40 MHz è attiva. Ma purtroppo non serve a nulla col chipset Intel 4965AGN:
CitazioneLa velocità massima dovrebbe essere 270mbps eppure Windows segna 130mbps anche da di fianco al router
La funzione che permette di ottenere il raddoppio di banda si chiama "channel bonding", e consiste nel combinare 2 canali da 20 mhz in un canale singolo da 40 mhz.
- controlla nelle impostazioni wireless che l'impostazione "channel width" sia settata su "Auto 20/40mhz"
- controlla che nelle impostazioni avanzate wireless (advanced - advanced wireless) l'impostazione "bandwidth" sia 40mhz.
- se hai una scheda Intel 4965AGN, 5100 o 5300 purtroppo è normale, dato che tali schede non supportano il channel bonding in banda europea
Perciò dico che mi aspettavo 130 o 144 Mbps come con gli altri due router citati nel mio post.

CitazioneComunque qualcosa che non va nella configurazione c'è, perchè 150 Mbit è la metà della velocità max del router e sembra quasi che funzioni un solo canale radio (semprechè i 20\40 Mhz siano attivi).
No, questa purtroppo è una limitazione del chipset Atheros AR9285 montato nel netbook Asus. Più di 150 Mbps non può fare:
http://support.euro.dell.com/support/topics/topic.aspx/emea/shared/support/dsn/it/document?c=it&cs=itbsdt1&l=it&s=bsd&docid=87ACED0FB5BD5FF2E040AC0A65E95456
Capisco, hai un router full N 300 Mbit, ma schede lite N che vanno a 150 Mbit. Comunque le informazioni che ti hanno dato da altre parti non sono tutte corrette:
1) le schede Intel N come la 5100 e 5300 sono full 300 Mbit e dual band sia 2,4 Ghz che 5 Ghz. La 1000 è full 300 N, ma singleband. La nuova serie 6xxx è full 300 N dual band.
2) sulla agn4965 vedi qua: http://www.intel.com/support/wireless/wlan/4965agn/sb/cs-025643.htm
3) è veramente assurdo che Dell per risparmiare installi schede minipci lite con un'unica antenna collegata in modalità HB95...

Carciofone

@ thinkmarco: mi riferivo ad un bug precedentemente segnalato del firmware 5.17B49 riguardante PPPoE e DNS; non mi ero ricordato che tu hai un DNS interno :-)
He, he, he, decisamente un power user.

Grisha

Citazione di: Alby dateline=12809920342) sulla agn4965 vedi qua: http://www.intel.com/support/wireless/wlan/4965agn/sb/cs-025643.htm
Sì, lo sapevo, infatti router e client sono settati in WPA2-PSK con autenticazione AES.

Citazione1) le schede Intel N come la 5100 e 5300 sono full 300 Mbit e dual band sia 2,4 Ghz che 5 Ghz.
Mah, nel frattempo ho fatto quest'ulteriore prova: ho attivato il WiFi nel notebook Sony Vaio VGN-FW11M sul quale sto scrivendo e che normalmente uso solo con cavo ethernet. Questo monta la 5100 AGN. Ho subito aggiornato i driver all'ultima versione del PROSetWireless (la 13.2.1.5 del 31/5/2010), riavviato il PC, ho attivato la modalità 802.11n nelle proprietà avanzate del driver, la larghezza del canale 802.11n a 2.4GHz su "Auto" (l'unica altra possibilità che offre è 20 MHz), il "Fat Channel Incompatible" su "Disattivato", la modalità wireless su a/b/g (perché non c'è anche n tra le scelte?)...... eppure si connette solo a 54 Mbps esattamente come la 4965AGN del Samsung...

Grisha

Citazione di: Grisha dateline=1280995519Sony Vaio VGN-FW11M [...] Questo monta la 5100 AGN [...] eppure si connette solo a 54 Mbps esattamente come la 4965AGN del Samsung...
RISOLTO! TROVATA SOLUZIONE!

La soluzione è attivare WMM. Letture risolutive:
http://communities.intel.com/message/88001;jsessionid=6ABA2935F8BCA26AB50586C24A4C8255.node6COM
http://communities.intel.com/message/70738;jsessionid=8C784E87BF113BFDE98FF1274EF3BC26.node6COM

Nel menu "QoS Setup" del DSL-2740B ho attivato "WMM(Wi-Fi Multimedia)" lasciando invece disabilitato "WMM No Acknowledgement". A quel punto il Vaio con la 5100AGN si è connesso subito a 300 Mbps, mentre il Samsung con la 4965AGN a 144 Mbps come atteso. Il rate fluttua un po' verso il basso (sia sulla 5100AGN sia sulla 4965AGN) in funzione anche dell'attività: ad es. sul Samsung è sceso fino a 54 Mbps mentre scaricava gli aggiornamenti di Kaspersky, per poi risalire e attestarsi alla fine a 131 Mbps. L'Asus con l'Atheros AR9285 ha invece continuato a connettersi a 150 Mbps (stabili), anche questo come atteso.

Ho notato anche che se nella pagina del router mettevo "WMM No Acknowledgement" ad "Enabled" pure lui, allora la 5100AGN ritornava a connettersi solo a 54 Mbps. Sarebbe eventualmente da verificare l'effetto delle altre opzioni del QoS sulla velocità di connesssione, opzioni che per ora ho lasciato disattivate come da default.

Per C@rciofone:
Tieni nota eventualmente di questa esperienza, potrebbe risultare utile anche ad altri. Magari in un aggiornamento futuro della prima pagina potresti inserire qualcosa in merito.

Carciofone

Ottima osservazione, adesso approfondisco e metto una nota in questa guida: https://www.dlink-forum.info/index.php?topic=98.0

Una osservazione però mi verrebbe da fare, dato che uso normalmente 2 schede di rete 5100 e attivando l'opzione dei subchannel a 40 Mhz o auto si sono sempre connesse a 300 Mbit sia sui 2.4 che sui 5 Ghz: potrebbe essere che chiavi di registro di vecchi driver non vengono rimosse anche installando il nuovo driver, oppure che la modalità wmm del qos sia particolarmente sensibile in presenza di schede diverse come la 4965. Comunque i post che hai linkato sono inequivocabili. Ben fatto!

Grisha

Citazione di: C@rciofone dateline=1281011277uso normalmente 2 schede di rete 5100 e attivando l'opzione dei subchannel a 40 Mhz o auto si sono sempre connesse a 300 Mbit sia sui 2.4 che sui 5 Ghz
Sì, se rileggi il mio ultimo post, anche la mia 5100 si connette a 300 Mbps. E' la 4965 che non può fare di più col DSL-2740B perché la 4965 raggiunge i 300 Mbps solo a 5 GHz.

Infatti nella pagina "Intel® Wireless WiFi Link 4965AGN Overview" (http://www.intel.com/network/connectivity/products/wireless/wireless_n/overview.htm) sta scritto, nelle ultime righe, "Supports 802.11n standard 40MHz channels only in 5GHz spectrum to minimize negative impact to legacy devices/networks nearby".

Forse anche questo sarebbe meglio segnalarlo.
Grazie per l'attenzione!

Grisha

Eccomi ancora qua con un nuovo problema...

Usavo da svariati mesi (col router precedente) eMule v0.50a.-MorphXTv12.3, senza utilizzare UPnP ma aprendo due porte TCP e UDP a mia scelta nel router.
Ora, dopo un giorno circa di utilizzo col DSL-2740B E1 mi sono accorto di essere afflitto dal problema descritto in questo post:
http://www.visivagroup.it/showthread.php?t=31407
con la sola differenza che vengo reindirizzato a un motore di ricerca di Libero invece di kelkoo. La cosa si manifesta direttamente se digito www.google.com nella barra degli indirizzi oppure se in FireFox evidenzio una frase e clicco col tasto destro scegliendo l'opzione "Search Google for".

In quel post si suggerisce che potrebbe essere un problema di MTU, che però nel router è settato a 1492 e in Windows XP non l'ho mai cambiato, non ho mai utilizzato programmi per l'ottimizzazione tipo DrTCP o simili. Altre osservazioni:
1) gli altri PC connessi in WiFi (che non runnano il mulo) non sono afflitti dal problema, quindi i DNS automatici di Libero sono fuori discussione;
2) se termino eMule-MorphXT e riavvio il PC afflitto dal problema, al reboot tutto torna a funzionare normalmente; se lancio nuovamente eMule-MorphXT, dopo qualche minuto di run il problema si ripresenta puntualmente;
3) ho disinstallato MorphXT e installato eMule v0.50a "normale", configurato sempre sulle stesse due porte precedentemente aperte nel router (sempre quelle, sono sopra la 10000, sono gli stessi numeri che uso da mesi); sta runnando da più di un'ora e il problema ancora non si è ripresentato (per fortuna).

Bingo, direte voi... però volevo capirci di più e sapere se è un problema riconducibile a qualche meccanismo già noto.

Carciofone

La cosa fa veramente sorridere, come pure il suggerimento dato dal personale Infostrada nel link che hai messo ha del demenziale. Chiaro che si tratta di qualche manipolazione fatta sulla risoluzione dei nomi o a livello locale, oppure del provider.
Io disinstallerei gli applet di google per i browser e poi in una shell cmd con privilegi di amministratore darei il comando

ipconfig /flushdns

In alternativa, installando un programma come Ccleaner, basta fare una pulizia dei file inutili controllando che sia spuntata nella colonna a sinistra la voce DNS.
Per il futuro potresti anche pensare a cambiare i DNS nella scheda di rete collegata al pc mettendo i foldns o gli opendns, in questo modo non dovrebbero più esserci deviazioni dovute all'uso dei dns di libero.
Se poi dipenda da qualche sorta di malware installatosi a causa di emule morph non saprei dirti, ma spesso in questi casi un software antivirus non basta. Meglio usare qualcosa di più specifico come Malwarebytes.

Grisha

Grazie per aver risposto.
Tenderei a escludere la manipolazione a livello provider perché, come ti avevo scritto, in contemporanea al problema sul PC in LAN quelli collegati in WiFi non avevano il problema.
Per CCleaner, sì lo uso in automatico al boot o alla bisogna: ho aggiunto la spunta alla casella "DNS cache": male non fa.  ;)
Per il discorso malware, ci avevo pensato anch'io: però mi sono fidato proprio di Malwarebytes AntiMalware (v1.46) con protezione in realtime attivata che ho su da mesi, si aggiorna in background, ma non mi ha segnalato nulla. E nemmeno Kaspersky Antivirus.
Stanotte il mulo "normale" (v0.50a) ha runnato per 7-8 ore consecutive e il problema non si è manifestato, per ora...
Perciò avevo pensato proprio a qualche manipolazione locale creata da MorphXT.
Continuerò a tenere d'occhio la cosa.

Grisha

Citazione di: C@rciofone dateline=1281078831in una shell cmd con privilegi di amministratore darei il comando
ipconfig /flushdns

Aggiornamento: il problema sta effettivamente nel router?

Dopo un giorno circa di eMule "plain", non MorphXT, il problema si è ripresentato. Probabilmente è proprio eMule con le centinaia di richieste effettuate che triggera il problema. Prima di tutto ho controllato la presenza di malware con una scansione completa del sistema con Malwarebytes AntiMalware, che non ha trovato nulla. Uscendo da Firefox, lanciando il comando citato qua sopra e rientrando in Firefox, il problema si risolve. Ma solo temporaneamente. Finché il mulo va, dopo un po' si ripresenta.

Ho ripreso in considerazione il discorso MTU, che in effetti è pertinente:
http://support.microsoft.com/kb/159211/it
http://itknowledgeexchange.techtarget.com/itanswers/black-hole-routing-issues/
http://groups.google.com/group/blogger-help/web/how-to-identify-a-dns-problem-on-your-computer

Ho utilizzato la tecnica del Ping Test (http://www.dslreports.com/faq/5793) per determinare l'MTU "ottimale" che è risultato essere 1490. A 1492 (-28) il ping restituisce il messaggio che "è necessario frammentare il pacchetto ma DF è attivo". Però alla fine non me la sono sentita di rischiare di spu*****re il sistema con DrTCP... anche perché leggo (http://help.expedient.com/broadband/mtu.shtml) che raccomandano di NON usarlo con Windows XP.

Comunque, lanciandolo e scegliendo l'interfaccia ethernet del PC, DrTCP mostra che non c'è alcun valore impostato per MTU. In effetti, seguendo la KB Microsoft http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;en-us;283165 si vede che in HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Services\Ndiswan\Parameters non esiste alcun valore predefinito né esiste il subtree "Protocols\0".

Per ora ho solo abbassato l'MTU del DSL-2740B a 1490 dal default 1492. E sto a vedere. Non è casuale che il problema si sia manifestato proprio al cambio di router...

--Edit:
Rileggendo indietro, a pag.9, post #174 e precedenti, vedo che anche altri hanno comportamenti simili: anch'io vedo "in attesa di ar.libero.." nella barra di stato... però purtroppo l'utente Zac dopo il 21 luglio non si è più fatto sentire. Quindi non sappiamo se ha risolto o semplicemente desistito... Per me vorrebbe dire cambiare router una quarta volta! Proprio non vorrei...

Alby

Ha risolto cambiando i dns del provider con dns pubblici diversi direttamente nelle opzioni avanzate della scheda di rete collegata al router per il protocollo ipv4. Purtroppo ciclicamente accade coi provider e con alcuni più spesso che con altri.
Per sapere che dns mettere guardare qui: https://www.dlink-forum.info/index.php?topic=222.0
Effetto collaterale di questa procedura è anche quello di bypassare tutte le censure di siti dei dns italiani.

kokotullio

Citazione di: Grisha dateline=1281001335
Citazione di: Grisha dateline=1280995519Sony Vaio VGN-FW11M [...] Questo monta la 5100 AGN [...] eppure si connette solo a 54 Mbps esattamente come la 4965AGN del Samsung...
RISOLTO! TROVATA SOLUZIONE!

La soluzione è attivare WMM. Letture risolutive:
http://communities.intel.com/message/88001;jsessionid=6ABA2935F8BCA26AB50586C24A4C8255.node6COM
http://communities.intel.com/message/70738;jsessionid=8C784E87BF113BFDE98FF1274EF3BC26.node6COM

Nel menu "QoS Setup" del DSL-2740B ho attivato "WMM(Wi-Fi Multimedia)" lasciando invece disabilitato "WMM No Acknowledgement". A quel punto il Vaio con la 5100AGN si è connesso subito a 300 Mbps, mentre il Samsung con la 4965AGN a 144 Mbps come atteso. Il rate fluttua un po' verso il basso (sia sulla 5100AGN sia sulla 4965AGN) in funzione anche dell'attività: ad es. sul Samsung è sceso fino a 54 Mbps mentre scaricava gli aggiornamenti di Kaspersky, per poi risalire e attestarsi alla fine a 131 Mbps. L'Asus con l'Atheros AR9285 ha invece continuato a connettersi a 150 Mbps (stabili), anche questo come atteso.

Ho notato anche che se nella pagina del router mettevo "WMM No Acknowledgement" ad "Enabled" pure lui, allora la 5100AGN ritornava a connettersi solo a 54 Mbps. Sarebbe eventualmente da verificare l'effetto delle altre opzioni del QoS sulla velocità di connesssione, opzioni che per ora ho lasciato disattivate come da default.

Per C@rciofone:
Tieni nota eventualmente di questa esperienza, potrebbe risultare utile anche ad altri. Magari in un aggiornamento futuro della prima pagina potresti inserire qualcosa in merito.
Buon giorno a tutti ! E' il mio primo post e vi mando un saluto !
Volevo confermare il msg precedente. Anche col mio Aspire 5738g / intel 5100 agn, le ho provate tutte, e dopo l'aggiornamento all'ultimo firmware (con 2 resettoni etc) ero in ginocchio. Ma ADESSO FUNZIONA grazie al VMM!! Il collegamento è a 300 se vado ad un metro dal router, se mi allontano di 2 metri 245, la mia postazione però è a 3 metri con un muro di 50 centimetri in mezzo ... ma va da 162 a 216. Mi sembra ottimo !! Ciao ^_^

Carciofone

Ottimo, è già un secondo riscontro. Mettiamo una nota sia in prima pagg che nella guida apposita sul WMM.
Per curiosità, dopo aver raggiunto i 300 Mbit, disattivando l'opzione nel router la velocità si mantiene oppure cala di nuovo alla metà?
Altra cosa, con il WMM disattivato, la velocità indicata da Windows rimane la stessa anche durante un trasferimento dati ad es. da un pc collegato al cavo ethernet a quello wireless, oppure sale a 300 per poi scendere non appena il trasferimento del grosso file è terminato?

Licenza Creative Commons
Il contenuto dei messaggi del forum è distribuito con
Licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 4.0
Tutti i marchi registrati citati appartengono ai legittimi proprietari