02 Aprile 2020, 23:29:27

DSL-3782: Router xDSL Dual Band AC 1200

Aperto da Pondera, 22 Novembre 2016, 09:12:52

m4ss1

Citazione di: Alfyees il 21 Ottobre 2019, 21:23:36Posso allegare alcune foto della mia impostazione?
Certo possono essere utili a qualcuno
Citazione di: Alfyees il 21 Ottobre 2019, 21:23:36come devo fare?
Puoi usare siti come https://it.imgbb.com/ o https://postimages.org/

ilmich

Ciao a tutti, sono nuovo del forum ma non ho trovato una sezione adatta a presentarmi quindi parto subito da qui :)
In un mercatino ho acquistato per pochi spicci questo modem router che ho sostituito con il router fornito dal provider.
Non l'ho fatto perchè abbia dei problemi con l'attuale, ma perchè dilettandomi con dispositivi embedded di qualsiasi tipo volevo un device da poter 'rompere' senza creare disagi in casa.

Il router ha prestazioni paragonabili al precedente (io ho una fibra FTTC..) e dopo averci giocato un po' volevo condividere con voi le informazioni raccolte fino ad ora:

- aggiornare il firmware attraverso la recovery (come indicato nel primo post) funziona solo se si aspettano 2-3 minuti prima di riavviare l'apparecchio (le prime volte lo facevo subito e ottenevo un bel led rosso in avvio)
- l'accesso remoto tramite ssh anche se abilitato non funziona (almeno a me) perchè il software utilizzato come server (l'opensource dropbear per la cronaca) è abbastanza obsoleto e espone il tutto attraverso protocolli deprecati.
- il router non supporta una cosa che mi fa abbastanza 'stranire' ovvero la risoluzione dei nomi locali in una lan, però facendo un po' di prove accedendo alla console forse son riuscito a trovare una soluzione.

I tools per customizzare i firmware non mancano e credo che nei prossimi giorni proverò a 'risolvere' almeno l'ssh e la risoluzione dei nomi.

Se a qualcuno può interessare ciò che viene fuori ve lo condivido volentieri.

Ciao a tutti
Michele

ebertpc

Buon anno a tutti, volevo chiedere una informazione. Ho installato questo modem su una linea vdsl2 fastweb 200 Mb in download (cosi me hanno promesso), ma solo arriva a 36 Mb con questo modem, invece con il fastgate arrivo a 62 Mb in download. Puo essere che questo modem non supporta vectoring 35b? E per questo non va più de 36 Mb. O devo modificare qualche parametro per arrivare a 62 Mb?

Lo sto usando cosi, è piu stabile che il fastgate. Ma voleva sappere si possa arrivare a agganciare più download. O devo cambiare di modem che supporta vectoring 35b. Algun modelo della Dlink??. Grazie.

Tipo DSL:   VDSL
Stato cavo:   Connesso
Velocità collegamento:   18658/36253 Kbps
Tipo di connessione:   Dynamic IP
Stato della rete:   Connesso
Durata connessione:   0 Giorno 6 Ora 38 Min 47 Sec

Stato linea:   up
Modulazione:   ITU G.993.2(VDSL2), G.998.4(G.INP)
Modalità annex:   ANNEX_B
Uptime DSL (sinc.):   0d:6h:38m:39s
    UpLink / DownLink
Margine SNR:   6.1 dB / 6.0 dB
Attenuazione linea:   0.4 dB / 9.1 dB
Potenza in uscita:   -9.2 dbm / 14.7 dbm
Velocità dati:   18658 kbps / 36253 kbps
ES:   0 / 0
SES:   0 / 0
UAS:   57 / 57
FEC:   927 / 669
CRC:   1/0


m4ss1

Buon anno anche a te!
Citazione di: ebertpc il 01 Gennaio 2020, 08:59:25Puo essere che questo modem non supporta vectoring 35b? E per questo non va più de 36 Mb.
Si
I modelli D-Link compatibili con il 35b al momento sono il DVA-5592 e il DVA-5593.

ebertpc

Citazione di: m4ss1 il 01 Gennaio 2020, 11:50:22Buon anno anche a te!Si
I modelli D-Link compatibili con il 35b al momento sono il DVA-5592 e il DVA-5593.

OK grazie :).

Pondera

Citazione di: ilmich il 18 Dicembre 2019, 12:24:44Ciao a tutti, sono nuovo del forum ma non ho trovato una sezione adatta a presentarmi quindi parto subito da qui :)
In un mercatino ho acquistato per pochi spicci questo modem router che ho sostituito con il router fornito dal provider.
Non l'ho fatto perchè abbia dei problemi con l'attuale, ma perchè dilettandomi con dispositivi embedded di qualsiasi tipo volevo un device da poter 'rompere' senza creare disagi in casa.

Il router ha prestazioni paragonabili al precedente (io ho una fibra FTTC..) e dopo averci giocato un po' volevo condividere con voi le informazioni raccolte fino ad ora:

- aggiornare il firmware attraverso la recovery (come indicato nel primo post) funziona solo se si aspettano 2-3 minuti prima di riavviare l'apparecchio (le prime volte lo facevo subito e ottenevo un bel led rosso in avvio)
- l'accesso remoto tramite ssh anche se abilitato non funziona (almeno a me) perchè il software utilizzato come server (l'opensource dropbear per la cronaca) è abbastanza obsoleto e espone il tutto attraverso protocolli deprecati.
- il router non supporta una cosa che mi fa abbastanza 'stranire' ovvero la risoluzione dei nomi locali in una lan, però facendo un po' di prove accedendo alla console forse son riuscito a trovare una soluzione.

I tools per customizzare i firmware non mancano e credo che nei prossimi giorni proverò a 'risolvere' almeno l'ssh e la risoluzione dei nomi.

Se a qualcuno può interessare ciò che viene fuori ve lo condivido volentieri.

Ciao a tutti
Michele

Benvenuto Michele!
Apporti come i tuoi sono rari quanto preziosi.
Sentiti libero di condividere qui sul forum i tuoi risultati. ;)

edo1982

Ciao a tutti, ho comprato anche io questo modem usato nell'attesa che mi inviassero il FastGate di Fastweb, e da allora sto continuando ad usarlo.

A chi servisse qui ci sono i settaggi per usare il modem con una VDSL Fastweb:
https://www.fastweb.it/forum/servizi-rete-fissa-tematiche-tecniche/configurazione-modem-d-link-dsl-3782-t15380-10.html

VDSL VC Setting
Service Number: 1
Enable Virtual Circuit: Enable
Vlan ID:
Connection: Dynamic IP Address
Connection Type: Bridged IP LLC
MTU: 1492
Usage: Default Route
Nat Enable: Enable
Enable PPPoE Passthrough: Disable
G.Vector:

Nota: Vlan ID va lasciato a blank e G.Vector non flaggato

Il modem va abbastanza bene per l'uso casalingo e ha parecchie opzioni nel menu di configurazione (port forwarding, accesso SSH e Telnet, forward dei log tramite syslog etc..) ma anche qualche problema con il Wi-Fi.

Come indicato nei post precedenti dopo un tot di tempo il modem sembra impallarsi, la navigazione in Wi-Fi diventa lenta, il pannello di management irraggiungibile e l'unica soluzione è un riavvio. Qualcuno ha intuito che il problema fosse legato al server DHCP nel router e credo che ci abbia preso perchè sono riuscito a mitigare il problema alzando il lease a 7 giorni (valore massimo disponibile) e ora devo riavviare il modem solo dopo alcune settimane e non dopo pochi giorni.

Il setup é questo:
Settings >> Network >> Advanced Settings >> Enable DHCP server >> DHCP Lease Time: 1 Week

Al momento ho la versione del firmware 1.03 che consiglio a tutti di installare perchè patcha alcune vulnerabilità di sicurezza come descritto a questo link:
https://c0mix.github.io/2019/D-Link-DIR-3782-SecAdvisory-OS-Command-Injection-and-Stored-XSS/


Citazione di: ilmich il 18 Dicembre 2019, 12:24:44- l'accesso remoto tramite ssh anche se abilitato non funziona (almeno a me) perchè il software utilizzato come server (l'opensource dropbear per la cronaca) è abbastanza obsoleto e espone il tutto attraverso protocolli deprecati.
Per ovviare a questo problema è necessario impostare il metodo di scambio chiavi indicato dal messaggio di errore che hai quando provi a collegarti semplicemente facendo ssh user@routerip
ssh -oKexAlgorithms=+diffie-hellman-group1-sha1 user@routerip
Il modem ha una versione di Linux (che sembra essere Tiny Core) con la suite di comandi di BusyBox.
Probabilmente essendo senza interfaccia grafica si tratta di una Micro Core Linux.

Citazione di: ilmich il 18 Dicembre 2019, 12:24:44- il router non supporta una cosa che mi fa abbastanza 'stranire' ovvero la risoluzione dei nomi locali in una lan, però facendo un po' di prove accedendo alla console forse son riuscito a trovare una soluzione.
Io non ho avuto questo problema, riesco a collegarmi al raspberrypi con questo comando senza indicare espressamente l'indirizzo ip
ssh user@raspberrypi.local
Quello che ora vorrei provare a fare è:
  • Capire come schedulare un restart da linea di comando (è sufficiente infatti scrivere da linea di comando "reboot" per riavviare il modem senza spegenerlo fisicamente. Se fosse possibile schedulare un reboot ogni giorno ad esempio alle 4 del mattino si risolverebbe il problema relativo all'impallamento del modem)
  • Capire a che cosa serve il menu Management >> Time & Schedule >> Time (magari si può impostare un reboot tramite interfaccia Web).


ilmich

Citazione di: Pondera il 02 Gennaio 2020, 09:22:02Benvenuto Michele!
Apporti come i tuoi sono rari quanto preziosi.
Sentiti libero di condividere qui sul forum i tuoi risultati. ;)
Ciao, non so quanto possa essere legale ridistribuire un firmware custom (anche se ho notato che la dlink in questo caso viola abbastanza le licenze opensource in quanto non redistribuisce i driver del modem adsl/vdsl e del wifi) pero' ho creato un semplice patcher utilizzabile da linux che è ancora incompleto e non documentato che pero' fa quel che deve fare (ovvero estrarre il firmware, modificarlo e reimpacchettarlo per essere flashato).
Per ora ho rilasciato le cose 'stabili', ma sono riuscito, togliendo un po' di zozzerie dall'interfaccia web ad aggiornare il parco software (dropbear, busybox) e provero ad aggiornarne anche altri (tipo il supporto ai modem usb, un firewall piu' aggiornato e piu' formati video/audio per la condivisione multimediale)

Citazione di: edo1982 il 26 Gennaio 2020, 18:10:29Io non ho avuto questo problema, riesco a collegarmi al raspberrypi con questo comando senza indicare espressamente l'indirizzo ip
sicuramente mi sbaglio ma guardando un po' come viene gestita la cosa (busybox per il dhcp e dnsmasq per la risoluzione dei nomi) mi è sembrato fosse cosi ma mi riservo di fare altre prove.

Per quanto riguarda il riavvio a tempo tecnicamente si puo' fare (aggiorando busybox è possibile avere a disposizione il comando cron che esegue operazioni a determinati orari) pero' il router con questo firmware non ha una vera e propria memoria scrivibile, ma fa tutto con un file di configurazione xml che viene letto da un servizio sempre attivo (e proprietario) che genera al volo script e configurazioni di rete.
Quindi per farlo fatto bene bisognerebbe
  • trovare/creare una sezione del file xml da utilizzare
  • aggiornare busybox
  • creare uno script che la legge e genera il file cron
  • eventualmente creare una pagina web

in alternativa, ma sempre modificando il firmware, si puo' inchiodare questa gestione in modo fisso.
Da quel che ho visto io la sezione schedule serve per aprire/chiudere le porte del firewall, non mi sembra di aver visto opzioni per il riavvio.

Detto che se davvero (io il leasetime lo imposto lungo a prescindere) il problema sta nel server dhcp magari con il software piu' aggiornato il problema si elimina da solo.

Ciau



Pondera

27 Gennaio 2020, 10:48:19 #148 Ultima modifica: 27 Gennaio 2020, 11:08:39 di Pondera
Non ci credo! Anni di firmware alternativi italiani basati sul lavoro del russo McMCC sui firmware Texas Instruments e poi i britannici del RouterTech.
Sono passati oltre 10 anni e ancora si sentono 'sti problemi con i modem D-Link...



Purtroppo l'altra complicazione della mancata pubblicazione dei sorgenti relativi ai driver ADSL & WiFi è annoso ma sembra originarsi a monte dai produttori fisici dei SoC ed inoltre ne risentono i progetti OpenWrt & DD-WRT che si occupano di tutti i chipset router passati e presenti sul mercato...

I sorgenti sono tutti disponibili sul TSD (D-Link Technical Support & Download TW) e dovrebbe essere possibile richiedere personalmente il materiale sorgente mancante poiché è un proprio diritto personale acquisito con l'acquisto del dispositivo. Non molto tempo addietro, avevo letto da qualche parte di un utente che era riuscito ad avere i sorgenti completi del DVA-5592 ma che aveva aspettato davvero molto, nell'ordine di parecchi mesi.

In ogni caso potete pubblicare qui sul forum i vostri miglioramenti personali sui firmware del marchio! ;)

edo1982

04 Febbraio 2020, 21:34:56 #149 Ultima modifica: 04 Febbraio 2020, 21:37:04 di edo1982
Ho dato un'occhiata e ho trovato che impostando lo schedule crea un file in questa folder:
/var/tmp/schedule/nome_regola
tale file (che contiene un layout di questo tipo):
ora_inzio-ora_fine-giorno
viene letto da uno script sotto /usr/script che sembra essere fatto per modificare le regole del Firewall (tramite iptable) ad un determinato orario, quindi probabilmente come indicava ilmich serve per aprire e chiudere le porte secondo delle regole schedulate.
Nello script però viene eseguito un comando di killall sul configuration manager, che viene poi restartato una volta conclusa la modifica.
Di fatto quindi impostando uno schedule tutti i giorni dalle 5 alle 6 del mattino, il processo del configuration manager viene killato e restartato 2 volte al giorno. Non so se il kill di questo processo si porti dietro anche un riavvio del dhcp, o comunque dia dei benefici per evitare l'impallamento del modem. Vi farò sapere tra qualche settimana. Esiste anche uno script di reboot già fatto sotto la /usr/script (che probabilmente viene utilzzato quando clicchi sul tasto Reboot da Web GUI)

Citazione di: ilmich il 27 Gennaio 2020, 09:48:41Per ora ho rilasciato le cose 'stabili', ma sono riuscito, togliendo un po' di zozzerie dall'interfaccia web ad aggiornare il parco software (dropbear, busybox) e provero ad aggiornarne anche altri (tipo il supporto ai modem usb, un firewall piu' aggiornato e piu' formati video/audio per la condivisione multimediale)
Ho visto gli script su github, per trovare gli offset l'hai analizzato con binwalk?

Citazione di: ilmich il 27 Gennaio 2020, 09:48:41Detto che se davvero (io il leasetime lo imposto lungo a prescindere) il problema sta nel server dhcp magari con il software piu' aggiornato il problema si elimina da solo.
Si in effetti potrebbe essere una valida alternativa come soluzione :-)

Citazione di: Pondera il 27 Gennaio 2020, 10:48:19I sorgenti sono tutti disponibili sul TSD (D-Link Technical Support & Download TW)
Grazie, avevo trovato una disussione su stackoverflow che indicava che per capire se il modem aveva una versione di Linux bisognava proprio cercare pagine come quella che hai indicato. Peraltro gli ho dato un occhio e c'è parecchia documentazione con le info del produttore del SOC sul SDK.


ilmich

Citazione di: edo1982 il 04 Febbraio 2020, 21:34:56Ho visto gli script su github, per trovare gli offset l'hai analizzato con binwalk?
inizialmente si, poi giocando un po' con il tool tcrevenge ho visto che potevo tranquillamente andarmi a prendere l'offset dall'header dell'immagine

Citazione di: edo1982 il 04 Febbraio 2020, 21:34:56Si in effetti potrebbe essere una valida alternativa come soluzione :-)
in realtà adesso mi sono un po' fermato (ho esaurito per il momento i fermi internet in casa :) ) pero' ho visto con una diff tra la versione ufficiale e quella contenuta nell'sdk, che la versione di busybox è stata patchata abbondantemente.
Vengono infatti aggiunti comandi come la gestione della tabella arp (che su busybox 1.00 non esiste), modificati i percorsi di default dell'fstab e simili (che nel firmware sono sotto /usr/etc), ma soprattutto il client dhcp (usato per ottenere la connessione al provider) e il server dhcp.

Con i miei esperimenti sono riuscito ad aggiornare busybox alla versione 1.25 mainstream (senza patch esterne a parte i percorsi dell'fstab e init), ma ho dovuto mantenere una copia del vecchio eseguibile per il solo client dhcp perchè altrimenti non si connetteva al provider (dio solo sa perchè)
Provero a fare un backport anche se forse il gioco non vale la candela, il fatto è che l'idea di avere un router che monta un software del 2007 un po' mi urta :)

Eppoi prendere il controllo del firmware ha i suoi vantaggi.. sempre nei miei esperimenti sono riuscito ad installarci sopra un brocker mqtt per la domotica (mosquitto per la cronaca)

Pondera

Ottimo! ;D
Appena ho un po' di tempo magari metto un collegamento al tuo lavoro nei primi messaggi. ;)

Citazione di: ilmich il 13 Febbraio 2020, 09:18:55l'idea di avere un router che monta un software del 2007 un po' mi urta

Giusto un paio di spunti...

Presumibilmente il DSL-3785 e l'ultimo DSL-3788 (in uscita a marzo) dovrebbero essere modelli successivi ma compatibili. I sorgenti oltre che sul TSD TW si trovano anche sull'FTP DE. Per l'ultimo bisogna aspettarne l'uscita.

Potresti anche attingere al materiale DD-WRT & OpenWrt visto che MediaTek in genere è supportato da entrambi.

ilmich

Citazione di: Pondera il 13 Febbraio 2020, 12:36:17Appena ho un po' di tempo magari metto un collegamento al tuo lavoro nei primi messaggi. ;)
Woow magari.. in realtà gli script che ho caricato fino ad ora fanno solo un po' di pulizia sull'immagine (font della web gui, comandi inutili) in modo da poter avere piu' spazio per i miei esperimenti (l'apparato ha una flash di circa 14mb per la rom) e attivano alcune funzioni (tipo il dns.. il qos).
Il resto è, diciamo in alpha sul mio pc. Pero' sono contento che il mio lavoro possa interessare a qualcuno :)

Per quanto riguarda i tuoi spunti il 3785 sto vedendo che praticamente è un 3782 con in piu' la connettività gigabit via cavo. Perciò dovrebbe essere compatibile, ma non so quanto poi effettivamente sia aggiornato come software.
Dico questo perchè come sto notando, è vero che vengono nel tempo risolte delle vulnerabilità (l'ultima ad inizio di quest'anno), pero' il grosso non lo aggiornano.
Perciò non mi stupirei di trovare che in un modello cosi simile, abbiano solo dato 2 martellate per far andare lo switch ethernet a 1Gbit. Ma mi riservo di approfondire.

Per quanto riguarda i firmware alternativi, ho riscontrato 2 ordini di problemi

*) il mondo è andato avanti e i kernel delle versioni di openwrt idem, perciò vi è una incompatibilità di fondo
*) il driver del modem vsdl è closed. Gli stessi mantainer di openwrt ad esempio sono in difficolta a supportare le connessioni in fibra.

Però sto cercando di capire se posso fare il port di questo per il router in oggetto

https://github.com/hynnet/openwrt-mt7620

Ciau

Pondera


mirkolisa

Buonasera, sono  anch'io in possesso del D-Link DSL-3782  marchiato wind.
Ho provato in tutti i modi ad entrare in recovery per caricare il firmware sbrandizzato, ma non ci riesco.
Se clicco il tasto reset e mollo subito non succede nulla.
se tengo schiacciato power ed internet diventano rossi e il resto verde, ma si riavvia subito.

Questa procedura The procedure to go into the recovery mode for DSL-3682 and DSL-3782 is different to some other DSL products. AFTER you power on the device, you should press the reset button ONCE and let go (not hold it down). The LED on the front should be all lit solid, with the Power and Internet in red and the remainder in green. After it boots, if you set the IP address on your computer to 192.168.1.2, you will be able to access the recovery screen for uploading firmware by entering 192.168.1.1. vale anche per il modem brandizzato wind?

Cosa sto sbagliando? Ho provato poi a caricare dall'interfaccia web (senza passare per la recovery visto che non ci riesco) i file  del firmware rinominati come suggerito (ho provato con tcboot.bin e tclinux.bin) ma nulla. Qualcuno mi può aiutare?
Grazie

vonkly

Buongiorno a tutti,
Mi presento: mi occupo di altro nella vita, ma ho una certa passione per l'informatica, senza che mai abbia capito niente di rete.
Ho un problema che probabilmente ha una soluzione facile, ma non l'ho trovata da nessuna parte.
Questi sono i dati del mio router:
DSL-3782
HW: A1
DSL-3782_A1_WI_20170303

Ho provato a inoltrare una porta sull'ip locale del mio computer per via di un videogioco. Non ottenendo nessun risultato, ho provato a inoltrare la porta 80 sul mio dispositivo, che ha un server che risponde "it works!" sulla porta 80, appunto. Mi sono collegato all'ip esterno e invece di rispondermi con il mio webserver ha risposto con la schermata di configurazione del router.
Quello che ho concluso è che il router non inoltra niente perché è controllabile da remoto. Ho cercato di disattivare questa possibilità senza successo.

Come vi dicevo, io non ci capisco niente di reti, quindi posso aver sbagliato tutto. Spero che qualcuno più esperto di me mi possa aiutare.

Buona giornata a tutti!

m4ss1

Citazione di: mirkolisa il 15 Marzo 2020, 19:46:36Se clicco il tasto reset e mollo subito non succede nulla.

Devi accedere il router normalmente e premere il tasto reset quando si accendono tutti i led durante la fase di avvio.
Il led rimarranno tutti accesi, a questo punto devi configurare la scheda di rete di PC con IP statico 192.168.1.2 e aprire con il browser http://192.168.1.1
Devi collegarti al router con il cavo di rete...

m4ss1

Ciao  ;)

Citazione di: vonkly il 16 Marzo 2020, 13:07:01DSL-3782_A1_WI_20170303
Aggiorna il firmware, trovi tutto nel primo messaggio della discussione.

Citazione di: vonkly il 16 Marzo 2020, 13:07:01Mi sono collegato all'ip esterno e invece di rispondermi con il mio webserver ha risposto con la schermata di configurazione del router.
In questo modello la porta 80 è riservata all'interfaccia del router.
Ti consiglio per motivi di sicurezza di eliminare la regola.

Citazione di: vonkly il 16 Marzo 2020, 13:07:01Ho provato a inoltrare una porta sull'ip locale del mio computer per via di un videogioco. Non ottenendo nessun risultato
Hai provato a disattivare momentaneamente il firewall del PC?

Leon_S

Ciao a tutti, sono nuovo del forum scusate ma non ho trovato una sezione per presentarmi prima di postare il messaggio.
Mi scuso nel caso avessi violato qualche regola del forum.
Anche io ho un model DSL-3782. Sto cercando di inoltrare attraverso la porta del router 443 la porta 8123 ma senza successo. Ho verificato che la porta 443 è effettivamente aperta ma quando cerco di accedere con l'indirizzo statico del router non ho accesso.
L'accesso è permesso solamente sulla porta 80 (webserver del router).
Ho registrato un host su DuckDNS per l'accesso da remoto e utilizzando l'indirizzo da me scelto riesco solamente a raggiungere la porta 80.

Sapete se wind-infostrada effettua dei blocchi sulle porte?

Grazie in anticipo.

Saluti,

Leonardo

Licenza Creative Commons
Il contenuto dei messaggi del forum è distribuito con
Licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 4.0
Tutti i marchi registrati citati appartengono ai legittimi proprietari